Introduzione al personaggio di Kate Mularkey

Kate Mularkey, il cui nome completo all’anagrafe è Kathleen Scarlett Mularkey, è una delle due protagoniste del primo dei due volumi della scrittrice Kristin Hannah: L’estate in cui imparammo a volare. Kate è una giovane ragazza timida, bionda con degli occhiali enormi che vive con la sua splendida famiglia che la cura amorevolmente. Kate però è una ragazza che non riesce ad ambientarsi, a stringere amicizia con i suoi coetanei, da cui spesso viene allontanata. Quelle che erano le sue migliori amiche all’improvviso iniziano a non frequentarla più, mentre molti suoi coetanei la prendono in giro schernendola e prendendola in giro.

Per sfuggire a questa triste realtà Kate si rinchiude nel suo mondo, sognando cose meravigliose tra i suoi amati libri, in cui vengono narrate storie bellissime.

L’incontro con Tully e l’inizio della loro amicizia

Nel 1974 Kate conosce una giovane adolescente della sua stessa età: si tratta della sua nuova vicina di casa Tully che vive insieme alla madre hippy da tutti chiamata Nuvola. Le due ragazze hanno modo di vedersi per la prima volta sull’autobus della scuola, ma presto hanno modo di conoscersi veramente: Tully è sconvolta, è appena stata stuprata da un ragazzo delle scuole superiori e trova conforto proprio nella timida e dolce Kate che la ascolta e senza remore le mostra tutto il suo affetto abbracciandola.

Da quel momento le due ragazze iniziano a frequentarsi assiduamente diventando inseparabili e affrontando insieme tutti i momenti più importanti della loro adolescenza. Finito il liceo Kate e Tully decideranno di iscriversi presso la stessa università, promettendo di esserci sempre l’una per l’altra.

Gli anni universitari e la crescita del personaggio di Kate

Finita la scuola quindi Kate e Tully si iscrivono presso la stessa università dove iniziano a coltivare le proprie aspirazioni e a volere esaudire i propri sogni. Tully ha come progetto per entrambe quello di diventare due grandissime giornaliste, invece la giovane Kate non sa ancora che cosa vuole nel suo futuro. Vorrebbe dire all’amica che non vuole fare la giornalista e si sente più portata per la scrittura. Finita l’università, Kate malgrado tutto segue Tully nella piccola redazione in cui inizia a lavorare. Mentre l’amica inizia una gavetta giornalistica molto complessa ma che le riserva soddisfazioni, lei pur di starle accanto svolge all’interno della redazione il lavoro più umile. E’ proprio qua che poi conosce l’amore della sua vita: il suo capo Johnny Ryan.

Kate è giovane, piena di speranze ma non sa che cosa vuole veramente nella vita. Lavora fianco a fianco con Tully e Johnny, ma realmente vorrebbe svolgere un altro lavoro, sentendosi portata per la scrittura. Le piacerebbe, infatti, un giorno scrivere un libro. Si sente inferiore a Tully, che è più ambiziosa, brillante, con davanti a sé una carriera dorata e una vita bellissima. Quello che lei vorrebbe in realtà è una vita tranquilla coronata dall’amore vero. Ama Johnnie, ma non sa come rivelargli i suoi sentimenti considerando che lui sembra essere attratto da donne simili a Tully.

Alla fine decide di dichiarare al suo giovane capo l’amore che prova per lui. Anche Johnny, dopo un po’ di remore, ricambia e tra i due nasce un amore da favola, coronato poi dalla nascita della figlia maggiore Marah e dei due figli più piccoli Lucas e Wills, i gemelli che sono nati dal loro matrimonio. A questo punto Kate decide di dedicare tutta la sua vita alla famiglia, a cui tiene più di ogni altra cosa. La sua esistenza è felice, ama Johnny immensamente così come adora i suoi tre figli e anche la sua migliore amica, con cui condivide gioie e dolori.

Il cancro che sconvolge l’esistenza di Kate

Gli anni passano, Kate vive con la sua famiglia, dedicandosi completamente all’educazione dei suoi tre figli. I due gemelli sono adorabili e non le creano tantissimi problemi, mentre la situazione è più complicata con Marah, diventata ormai una bellissima e giovane adolescente ribelle. Tutte le sue energie sono rivolte proprio a lei e ai suoi due bambini. Stare dietro a Marah però è complicato, proprio perché continuamente la mette a dura prova avendo le classiche esigenze di un’adolescente.

La sua esistenza viene sconvolta completamente nel momento in cui, dopo una visita medica, scopre di avere un cancro al seno allo stadio avanzato. Con Tully nel frattempo, per delle incomprensioni, i rapporti si sono un po’ deteriorati e Kate deve affrontare la malattia con l’affetto della sua famiglia, ma subendo in maniera dolorosa l’assenza della sua migliore amica. Proprio in questo periodo complicato si rende conto che non può stare lontano da lei e la cerca continuamente per affrontare la malattia con il suo sostegno. Tully non risponde subito ai suoi messaggi e Kate ne soffre immensamente.

Nonostante i cicli di chemioterapia, il cancro non recede provandola sempre di più sia a livello fisico sia a livello mentale. I suoi cari le stanno accanto, ma la situazione è disperata e per Kate non ci sono tante speranze di guarigione. Finalmente anche Tully viene a conoscenza della malattia dell’amica e presto la raggiunge decidendo di mettere in secondo piano la sua carriera per dedicarsi completamente a lei.

Kate è felice, è attorniata dall’affetto dei suoi cari e accanto a lei c’è la sua migliore amica che non la abbandonerà mai più. Sa che presto non potrà vedere più le persone che l’amano, per questo decide di trascorrere le ultime settimane della sua vita a casa in un clima sereno e tranquillo. Il suo fisico è molto provato, lei è sempre più debole anche a livello psicologico, dunque cerca di vivere ogni attimo della sua vita assaporando ogni istante della sua esistenza. Ricordando il suo amore per la letteratura e per la scrittura, decide infine di scrivere un libro: quello della sua vita che vuole dedicare a Marah, la sua figlia adorata. Riesce nel suo intento e prima di morire lo conclude.

L’estate in cui imparammo a volare si conclude con la morte di Kate che causerà un vuoto incolmabile per tutti, in particolare per Tully che sentirà tantissimo la mancanza della persona più importante della sua vita: la sua migliore amica.